La Cattedrale vegetale di Giuliano Mauri a Lodi

È prevista per la fine di aprile l’inaugurazione della Cattedrale vegetale di Lodi, l’opera architettonico-artistica progettata da Giuliano Mauri. 

Situata sulle rive dell’Adda, nell’area “Ex Sicc”, il capolavoro di Land Art si estende su circa 1.700 metri quadrati di terreno. È composta da 108 colonne di legno ed è alta 18 metri, lunga 72 e larga 22,48 metri. Le 108 colonne hanno il compito di sostenere e accompagnare la crescita di altrettanti alberi di querce.

Tra i desideri dell’artista, scomparso nel 2009, vi era quello di omaggiare la sua città natale, Lodi, con un’opera simbolo di pace, dove uomo e natura si fondono in un unicuum di forza e spiritualità.

È proprio in quel di Lodi che Giuliano Mauri mosse i primi passi artistici: esponente di punta della Land Art, divenne l’unico rappresentante italiano del movimento europeo “Art in Nature”,  insieme a Hermann Prigann e Nils Udo.

Apprezzato dalla critica e dal pubblico, ha partecipato alla Biennale di Venezia nel 1976, alla Triennale di Milano nel 1992 e alla Biennale di Penne nel 1994.

Tra le sue opere d’ispirazione naturale più significative di Mauri ricordiamo i Mulini accarezzati da un vento immaginario, la “Scala del Paradiso”e il Bosco sull’isola alla sorgente del Tormo nel Lodigiano.

Quella di Lodi non è l’unica Cattedrale vegetale progettata da Mauri. Infatti, la prima idea di Cattedrale vegetale venne all’artista negli anni ’80 e vide la luce solo nel 2001 ad Arte Sella (Borgo Valsugana, Trento). La seconda Cattedrale sorge nel Parco delle Orobie di Bergamo ed è meta di milioni di visitatori ogni anno.

L’obiettivo delle costruzioni vegetali di Mauri è quello di stabilire una connessione profonda con i luoghi che le ospitano. Il silenzio di quei territori e il potere soggiogante della natura evocano una relazione intima con l’arte, che dà vita ad un luogo di culto e raccoglimento dall’atmosfera magica.

Lo stesso Mauri diceva: “La Cattedrale rappresenta un’idea di magnificenza, un ordine e una sacralità del luogo, ho sempre voluto dare corpo a questa fratellanza che esiste tra il luogo e la sacralità della terra e di questi elementi che si innalzano che sono gli alberi. In questo c’è dentro tutta la filosofia del mio lavoro. Il luogo non mi dimentica e questo mi fa felice, mi piace pensare che la gente attraverserà questo luogo pensando al perché è stata costruita, al perché si è fatta, una domanda che la gente si farà da sé, rendendosi conto che l’opera vale il posto”.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!