Rifiuti speciali, in Italia sono quattro volte quelli urbani

Con un sistema di gestione a rischio, il problema dei rifiuti speciali potrebbe diventare emergenza: secondo i più recenti dati Ispra, il loro volume è quattro volte quello degli scarti urbani, con maggiori rischi ambientali.

Con un sistema di gestione a rischio, il problema dei rifiuti speciali potrebbe diventare emergenza: secondo i più recenti dati Ispra, il loro volume è quattro volte quello degli scarti urbani, con maggiori rischi ambientali.

La raccolta differenziata dei rifiuti urbani è in rapida crescita: lo attesta il più recente rapporto dell’Istat “Noi Italia. Cento statistiche per capire il Paese in cui viviamo”. Il documento rivela una crescita del 42,3%, relativo al 2012 nei confronti dell’anno precedente, dei rifiuti avviati a raccolta differenziata. Un dato che ancora si discosta negativamente dalla media europea ma che, insieme al progressivo calo della produzione di rifiuti, lascia ben sperare.

A destare nuove preoccupazioni è un altro quadro recentemente emerso e che svela una problematica finora passata in secondo piano: gli scarti urbani sono pari ad appena un quarto dei rifiuti speciali prodotti annualmente. All’interno di tale categoria, i rifiuti pericolosi, ancor più dannosi per l’ambiente, sono addirittura in crescita (+8,1%).

Questo è il quadro che emerge dal Rapporto 2014 Rifiuti Speciali redatto dall’Ispra, con dati che fanno riferimento al 2011 e al 2012. La gravità del problema si specchia nei dati che riguardano le quantità di rifiuti speciali annualmente prodotti: 137,2 milioni di tonnellate nel 2011 e 134,4 milioni di tonnellate nel 2012. 9,4 milioni sono invece le tonnellate di rifiuti pericolosi.

La loro provenienza è varia e non permette di individuare un unico settore critico: 55 milioni di tonnellate provengono da costruzioni e demolizioni, mentre 28 milioni di tonnellate derivano dal trattamento dei fanghi di depurazione. 1,2 milioni di tonnellate sono invece relative a veicoli fuori uso.

La quantità di rifiuti speciali e pericolosi prodotta non è l’unico aspetto allarmante: per quanto riguarda la loro gestione l’Italia rivela una situazione a macchia di leopardo, con conferimento in discarica in proporzioni variabili. Così, la Regione più virtuosa risulta essere la Toscana: nonostante si trovi in sesta posizione per quanto riguarda la quantità di rifiuti pericolosi prodotti, solo l’8% di essi finisce in discarica o negli inceneritori.

Anche in questo caso, però, è evidente l’ampio margine di miglioramento. Il rapporto mette in luce la necessità di una strategia operativa a livello nazionale e la determinazione di procedure universalmente valide sul territorio, che possano garantire il minor impatto ambientale possibile e assicurare a tutti i rifiuti speciali e a tutti i rifiuti pericolosi un trattamento adeguato alla tipologia di scarto. L’urgenza è ancor più evidente se si tengono in considerazione le recenti e imminenti novità, con l’entrata in vigore della nuova classificazione e dei criteri europei prossimi all’applicazione obbligatoria, che rischiano di mettere ancor più in crisi l’intera gestione.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!